crudo o cottoMa è meglio mangiarlo crudo o cotto? Quante volte ci siamo posti questa domanda. Qui a lato un breve elenco con alcuni alimenti con le indicazioni opportune (fare click sull'immagine per ingrandirla).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

le tisaneSono bevande medicinali ottenute per infusione o decozione di fiori, erbe, semi e cortecce. Si preparano con piante fresche o essiccate e, a seconda delle fonti vegetali utilizzate, possono avere proprietà dimagranti, drenanti, lassative, anticellulite, diuretiche, digestive, sedative, antinfiammatorie. Nel mondo vengono consumate al ritmo di circa quattrocento miliardi di tazze all’anno. Nei supermercati sono reperibili preparati per infusi in bustine, che tuttavia permettono di ottenere bevande poco ricche di principi attivi e con scarso potere terapeutico. In erboristeria, al contrario, è possibile acquistare singole droghe o miscele concentrate altamente efficaci e ricevere consigli per la preparazione e l’assunzione.

Cibi Acidi cibi basiciIntrodurre nel nostro organismo troppi cibi acidificanti genera una dispersione di energie, a causa della produzione di un maggior quantitativo di tossine e dei conseguenti sforzi per eliminarle. Non solo, i cibi acidificanti impedirebbero anche l’assorbimento di nuovi elementi nutritivi.

olio di palmaL'olio di palma si ricava dai frutti dell'omonima pianta (Elaeis guineensis), originaria dell'Africa ed oggi coltivata nelle zone tropicali del continente americano e soprattutto in Malesia ed Indonesia. Dai frutti di questa pianta si ricavano due diverse tipologie di olio: l'olio di palma propriamente detto, ottenuto dalla polpa, e l'olio di palmisto, ottenuto dai semiViene estratto dal mesocarpo dei frutti (polpa), per pressione idraulica (spremitura) o per centrifugazione.

perche i cibi non vanno ricongelatiIl congelamento non uccide tutti i batteri che sono presenti sugli alimenti (soprattutto su verdura e carne). Alcuni di questi, con il freddo, semplicemente abbassano le loro funzioni vitali entrando in una fase di quiescenza che permette loro di sopravvivere, anche a basse temperature.
Così, quando un alimento viene decongelato, questi batteri riprendono la loro attività e iniziano a moltiplicarsi. Se a questo punto il cibo viene consumato subito, il fenomeno rimane limitato; ma se invece viene ricongelato e scongelato più volte,

cibi che non si possono congelareEsistono cibi che non possono essere congelati. Gli alimenti che non possono essere congelati sono quelli pieni di acqua come lattuga, pomodori, sedano, cetrioli e la frutta come meloni, angurie e ananas. Questi cibi al momento dello scongelamento risulterebbero flosci e immangiabili perché i grossi cristalli di ghiaccio che si formano durante il raffreddamento domestico rompono la parete delle cellule. Male sopportano il congelamento anche alimenti cotti come la pastasciutta, i risotti, le patate lesse, le uova sode,

gelato artigianaleIntorno al gelato artigianale sono nate moltissime storie, alcune vere e altre di fantasia, che narrano la nascita di quest’alimento così particolare e amato da tutti. Il piacere di gustare un buon gelato è antico di almeno tremila anni e la sua nascita è incerta.
Uno dei primi documenti storici in cui si parla di " gelato" ci giunge da un poeta greco vissuto nel 500 a.C. ad Atene. I greci amavano preparare le loro bevande rinfrescanti con poco limone, miele e molto succo di melograno con neve o ghiaccio.



logo expo

 

 

logo sinuMembro della Società Italiana di Nutrizione Umana

Normalmente non facciamo caso a quanti grassi mangiamo ogni giorno a causa del modo errato in cui cuciniamo i cibi. Eppure basterebbe fare solo un po' di attenzione al modo di cucinare alcuni piatti e, come per magia, anche un alimento che pensavamo fosse vietato potrebbe trasformarsi in un cibo sano, in grado di garantirci una vita più salutare.

Dott.ssa Teresa ESPOSITO
Corso Italia 2 80049 Somma Vesuviana (NA) - Centro Direzionale Edificio F3 4°Piano int.1 (NA)
Tel. (+39) 081.8992498 Cell. (+39) 349.8416407 - email teresa.esposito@unicampania.it